• Stefano Belacchi

Manutenzione e ripristino della nostra attrezzatura da trekking.

In queste settimane di incertezza, durante le quali molti di noi sono costretti in casa dalle misure di prevenzione del COVID-19, possiamo dedicarci ad alcune operazioni che spesso vengono trascurate per mancanza di tempo. La nostra attrezzatura tecnica ha infatti bisogno di manutenzione periodica e questo periodo casalingo potrebbe darci l'occasione per farlo. Vediamo come fare punto per punto:

Scarponi Il primo accorgimento è quello di riporre gli scarponi in un luogo non soggetto a sbalzi di temperatura e di umidità. Meglio un ripostiglio in casa che una cantina o un garage e andrebbero ogni tanto indossati per mantenere la funzionalità dei materiali. Togliamo i lacci e le solette interne e laviamoli separatamente. Puliamoli a secco con un panno morbido e una spazzola a setole morbide, eliminiamo i residui di fango e poi sciacquiamoli con acqua fredda. Per le scarpe in materiale sintetico non sono necessarie altre manutenzioni. Abbiate l'accortezza di asciugarli a temperatura ambiente e non in prossimità di stufe, camini o termosifoni e di non lasciarli al sole. Gli scarponi con tomaia in pelle necessitano periodicamente di essere trattati con prodotti idonei che dovranno esservi indicati dal produttore o dal negoziante. Non spruzzate spray impermeabilizzanti se non su indicazione del rivenditore o del produttore.


Zaino Controllate la funzionalità delle fibbie e dei lacci, estraete la cover impermeabile e controllatene l'integrità. (Ricordate di non riporla nel suo alloggiamento prima che sia completamente asciutta.) Controllate che tutte le tasche siano vuote e, se necessario, lavatelo a freddo, anche in lavatrice se necessario. Una volta asciutto caricatelo con un peso normale, indossatelo e regolate nuovamente tutte le cinghie davanti ad uno specchio controllando che la posizione sulla schiena sia simmetrica e corretta. Kit di primo soccorso Verificate le date d scadenza di tutti i materiali presenti e sostituite quelli scaduti. Rimpiazzate le cose che sono state usate e fate mente locale se pensate che sia necessario aggiungere o togliere qualcosa.

Lampade frontali e torce elettriche

Controllate le batterie e sostituitele se non cariche. Ricordate di avere sempre nello zaino oltre alla torcia elettrica anche delle batterie cariche di riserva.

Bastoncini Verificate la funzionalità delle chiusure. Per le chiusure a leva, controllate che le viti siano correttamente serrate e non ci sia il rischio di ulteriore allentamento con conseguente perdita della leva in plastica. Le bacchette telescopiche con cavo elastico all'interno vanno riposte smontate. Tutte le bacchette possono essere lavate a mano con acqua e, se necessario, sapone.

Giacche in gore-tex Il gore-tex non va mai lavato in lavatrice! Se necessario pulitelo con una spugna morbida e acqua fredda cercando di strofinare il meno possibile. Riponetelo in un appendino senza piegarlo. Non applicate spray impermeabilizzanti. Indumenti in tessuti sintetici traspiranti Si lavano in lavatrice a basse temperature. Non stirare. Sacchi a pelo Si lavano seguendo le indicazioni del produttore. Vanno riposti in verticale aperti, possibilmente senza piegarli e rigorosamente non dentro alla sacca di compressione!

Tende

Montate la tenda in cortile o, se avete posto, anche in casa/garage. Pulite l'interno con aspirapolvere e il fondo esterno con una spugna bagnata. E' sconsigliato il lavaggio con idropulitrici o acqua in pressione. Se, come spesso capita, l'avete richiusa e imbustata quando era ancora bagnata lasciatela montata all'aria per un giorno lasciando aperte tutte le aperture.

Se il fondo è forato si può rendere nuovamente impermeabile con una toppa da copertoni di bicicletta. In caso di strappi o tagli è necessario un kit da riparazione apposito con una toppa della giusta lunghezza e una colla idonea. In caso di rottura di un elemento di giunto dei pali flessibili è possibile ripararlo inserendo il palo in un cilindro di metallo appena più grande del diametro del palo. In caso di rottura del filo elastico interno ai pali è possibile sostituirlo acquistando un nuovo filo dello stesso diametro.


Materassini autogonfianti o gonfiabili Gonfiate il materassino e verificatene l'integrità immergendolo nella vasca da bagno piena o in una bacinella (un po' alla volta). Nel caso dei materassini autogonfianti le forature riguardano spesso la zona della valvola. In caso di foro singolo o di fori multipli ravvicinati è possibile ripararli utilizzando una o più toppe da pneumatici (toppe da bicicletta). Purtroppo si creano spesso dei microfori diffusi lungo tutti i bordi, appena percepibili in acqua dalla presenza di piccolissime bollicine che aderiscono alla superficie del materassino e si distaccano solo se si esercita pressione. In questo caso purtroppo non c'è molto da fare e il materassino va sostituito. Per limitare che si creino questi microfori anche il materassino andrebbe riposto aperto in verticale (appeso dentro un armadio) senza piegarlo e assolutamente senza tenerlo compresso nella sua custodia.


Binocoli, lenti fotografiche e simili Pulite le lenti a secco con una pezza da occhiali pulita o in alternativa con un fazzoletto da naso monouso. Le lenti sono spesso molto più resistenti di quello che ci immaginiamo quindi se non sono presenti granelli di polvere possiamo strofinare anche in maniera abbastanza energica. Per eliminare eventuali granelli di polvere utilizziamo una pompetta di gomma o uno strumento apposito costituito da una pompetta in gomma con un pennello morbido sulla cima. Evitate di toccare le lenti con le dita.


110 visualizzazioni
  • White Facebook Icon
  • Bianco Instagram Icona

Stefano Belacchi,

Guida Ambientale Escursionistica (GAE) Associato Aigae.

Iscritto al Registro Italiano delle GAE al N° ER440.

Esercita la professione ai sensi della L.4/2013

P. IVA 04215960404