• White Facebook Icon

Stefano Belacchi,

Guida Ambientale Escursionistica (GAE) Associato Aigae.

Iscritto al Registro Italiano delle GAE al N° ER440.

Esercita la professione ai sensi della L.4/2013

P. IVA 04215960404

CAMPIGNA

RISERVA BIOGENETICA NEL PARCO NAZIONALE DELLE FORESTE CASENTINESI

 

IL TERRITORIO

Campigna è una piccola località situata nella parte più alta della valle del fiume Bidente a 1065m slm. E' caratterizzata da un ambiente forestale molto vario e ben conservato suddiviso principalmente in due tipologie: l'abetina coltivata e la foresta mista di latifoglie. 

Nella foresta mista prevale il faggio ma ben mescolato con altre essenze tipiche dell'ambiente montano come aceri, sorbi, frassini, tigli e castagni. Nelle zone più vicine all'abitato si ritrovano ancora tracce di antichi castagneti da frutto con patriarchi arborei ormai disseccati che testimoniano l'antica storia di questi luoghi. 

L'abetina, benchè di origine artificiale, è un esempio di elevata biodiversità. Gli alberi hanno oggi un'età di oltre 70 anni e la presenza di numerosi alberi secchi sia al suolo sia eretti favorisce la vita di insetti e funghi tipici di questo ambiente.

L'animale simbolo di Campigna è senza dubbio il picchio nero che proprio da queste foreste ha iniziato l'ormai compiuta ricolonizzazione del territorio del Parco Nazionale e che qui vive in una delle più floride colonie dell'Appennino. 

Il territorio è anche ricco di grandi ungulati (cervi e dani soprattutto) e di lupi.

Molto diffusa è anche la Salamandra pezzata, facilmente osservabile durante le giornate di pioggia lungo la strada forestale delle Cullacce e nelle foreste circostanti.

Campigna è un vero e proprio crocevia di sentieri, qui si incontrano cammini a tappe e un gran numero di anelli giornalieri.

 
 

COME ARRIVARE

Campigna si trova in alta valle del Bidente in Emilia-Romagna, provincia di Forlì-Cesena, Comune di Santa Sofia. Dall'autostrada A14 si esce a Forlì e poi si segue in direzione Meldola. Si rimane poi sulla SP4 del Bidente (ex SS310) fino a Campigna attraversando numerosi piccoli paesi tra cui, Cusercoli, Civitella di Romagna, Santa Sofia e Corniolo.

Dal versante toscano si raggiunge oltrepassando il Passo della Calla. Da Firenze seguendo per Pontassieve e poi per il Passo della Consuma, una volta oltrepassato si segue per Pratovecchio-Stia e poi Passo Calla. Da Arezzo invece si segue per Bibbiena lungo la fondovalle Casentinese e qui si prosegue attraversando Poppi, Pratovecchio e Stia. Da Stia si segue per Passo della Calla.

Nella zona ci sono tre aree camper attrezzate e i parcheggi sono gratuiti.

DOVE ALLOGGIARE

A Campigna si trovano due strutture alberghiere e un agriturismo e, poco distante, alcuni rifugi, agriturismi e altri alberghi.

Albergo lo Scoiattolo Tel +39 0543 980052 albscoiattolo@hotmail.com

Hotel Granduca Tel +39 0543 980051 hotelgranduca@hotmail.com

Agriturismo Poderone +39 0543 980069

A distanza di una decina di km si trovano anche Rifugio Fontanelle, Hotel Leonardo (Corniolo), Hotel Pini (Corniolo), Locanda Gigino (Corniolo), Campeggio Vivaio (Corniolo)

Chalet Burraia, Ristorante i Faggi.